Formazione aziendale: 3 consigli per farla nel modo giusto

L’apprendistato come modello nei processi di innovazione?
L’apprendistato come modello nei processi di innovazione?
08/07/2020
Formazione aziendale: che cos’è e a cosa serve

Formazione aziendale: che cos’è e a cosa serve

Fare formazione in azienda

In un mercato del lavoro sempre più iperconesso, globalizzato e in continua evoluzione, le aziende competitive sono quelle che riconoscono l’importanza della formazione aziendale e dello sviluppo del capitale umano. Fare formazione in azienda significa investire sulle persone per aumentare le competenze sia del singolo che del gruppo di lavoro. Il risultato non è esclusivamente l’evoluzione professionale delle persone, ma anche la crescita del business aziendale.

Puntare sulla formazione significa

Le aziende che puntano sulla formazione forniscono ai propri dipendenti i tools necessari per colmare le lacune. Affrontare il cambiamento ed implementare le soft skills, ossia le competenze trasversali che possono fare la differenza in termini di produttività ed influenzare positivamente la qualità del lavoro.

La formazione è un’opportunità di crescita che tocca tutti i livelli della scala gerarchica di un’impresa e riguarda sia gli aspetti tecnici che le relazioni tra individui.

Investire nelle risorse umane è una scelta strategica che può decretare il successo o il fallimento di un’azienda. In base all’obiettivo da raggiungere il training può essere organizzato in vari modi: dai corsi di apprendistato rivolti al singolo alle nuove sperimentazioni legate alla formazione esperienziale ed il team building.

Il training aziendale può essere realizzato da un professionista interno o esterno all’azienda il cui compito è capire le esigenze del singolo individuo o del team per elaborare le strategie migliori e individuare i metodi utili a raggiungere gli obiettivi.

Come fare formazione in azienda

Scopriamo insieme come fare formazione del personale in modo efficace e perché è vantaggioso per la tua azienda. Come fare corsi di formazione aziendale: dall’analisi dei bisogni agli obiettivi L’improvvisazione è nemica della formazione aziendale e le attività di training devono essere organizzate seguendo precise tempistiche.

La prima fase prevede la raccolta delle informazioni (ad esempio attraverso colloqui one-to-one o focus group) che consentono una più precisa analisi dei fabbisogni a loro volta suddivisi in tre differenti categorie:

  • Bisogno organizzativo: influenzato dagli obiettivi di business;
  • Bisogno professionale: dipende dalla posizione che si occupa nella gerarchia aziendale;
  • Bisogno individuale: esigenze dei singoli individui e sviluppo personale.

Gli obiettivi SMART della Formazione

L’analisi consente al formatore di individuare gli obiettivi che si vogliono raggiungere attraverso il training aziendale e determina gli stadi successivi:

  • Progettare il corso di formazione dopo aver definito gli strumenti e i metodi necessari a raggiungere il traguardo;
  • Svolgere il corso di formazione in aula, outdoor o tramite piattaforme di e-learning;
  • Misurare i risultati e l’efficacia della formazione.

Gli obiettivi della formazione aziendale devono rispondere ai principi del metodo S.M.A.R.T. illustrato dall’economista e saggista Peter Drucker nel suo libro “Le sfide del Management nel XXI Secolo”.

Le cinque regole che compongono l’acronimo fanno riferimento alle seguenti parole di origine inglese:

S = Specific (Specifico)
M = Misurable (Misurabile)
A = Achievable (Raggiungibile)
R = Relevant (Rilevante)
T = Time-Based (Temporizzato)

3 consigli per fare corsi nel modo giusto

Ecco tre consigli per migliorare la formazione aziendale e costruire momenti dedicati all’apprendimento capaci di coinvolgere i partecipanti:

  • Avere ben chiari gli obiettivi del training aziendale e fornire ai dipendenti le nozioni di cui hanno davvero bisogno;
  • Preferire attività interattive che stimolano la partecipazione e riducono i momenti di distrazione;
  • Considerare le tre fasi principali dell’apprendimento: acquisizione dei dati, comprensione, organizzazione dei dati e esposizione dei contenuti.

Formazione aziendale: a chi si rivolge e perché è importante

Destinata a impiegati e dirigenti, la formazione aziendale coinvolge tutti i soggetti che lavorano all’interno di un’impresa e fornisce alle persone gli strumenti necessari per imparare a trovare la soluzione giusta.

Il training non è un’attività marginale. Infatti, si inserisce nell’insieme dei processi aziendali che definiscono il percorso utile al raggiungimento degli obiettivi di business e ha numerosi vantaggi:

  • Aumenta le competenze, la felicità e la motivazione dei lavoratori;
  • Incrementa la produttività;
  • Sviluppa la capacità di problem solving;
  • Incentiva lo spirito di squadra;
  • Migliora l’organizzazione aziendale;
  • Migliora le capacità comunicative del singolo e del team;
  • Aiuta a gestire i cambiamenti, il conflitto e a individuare le priorità.

Tutte queste opportunità si traducono in effetti positivi che valorizzano le capacità degli individui, stimolano la condivisione e favoriscono la creatività. In questo modo la formazione aziendale offre alle aziende l’opportunità di affrontare e superare le sfide del presente per guardare a un futuro fatto di crescita, progresso e successi.

Elearning