La sicurezza sul lavoro in Italia è normata dal DLgs.81/08 o Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro. La legge stabilisce regole, procedure e misure preventive da adottare per evitare o comunque ridurre al minimo l’esposizione dei lavoratori a rischi legati all’attività lavorativa, evitare infortuni o incidenti o contrarre una malattia professionale. Datore di lavoro, dipendenti o collaboratori devono comunque adottare un comportamento consono alla struttura in cui si trovano o alla mansione loro affidata.

Il luogo di lavoro deve essere dotato di accorgimenti, strumenti e deve esistere un’attività di prevenzione adeguata ai possibili rischi in azienda precedentemente valutati con il DVR (Documento Valutazione Rischi).

La sicurezza sul lavoro è un’attenzione importante che va posta sia per tutelare l’azienda e sia e soprattutto per i lavoratori, proprio per questo motivo è previsto un piano dei corsi sulla sicurezza obbligatorio e le aziende devono attuarlo per evitare sanzioni e spiacevoli inconvenienti. Si parla di diversi corsi per formare il dipendente dalle nozioni generali sino a quelle specifiche, come la gestione delle emergenze. Nel primo caso si parla di argomenti fondamentali ed è comune a tutte le aziende; nel secondo caso, l’area specifica, si differenzia in base al livello di rischio che caratterizza il settore di competenza basso, medio e alto. Più precisamente così diviso:

rischio basso, ambulanti, i ristoratori, gli artigiani, agenti turistici e i commercianti;
rischio medio, agricoltori, allevatori, trasportatori e pubblica amministrazione, inclusi i docenti;
rischio alto, lavoratori impegnati nell’edilizia, nella chimica e, in generale, nella lavorazione di sostanze pericolose.

Elearning